0
0
0
s2sdefault

 

stop violence against women

di Michela Raddi 

Guardami negli occhi. E se hai coraggio, vai oltre.

Riesci a vedermi realmente?
A posare il tuo sguardo oltre ciò che la natura manifesta?
Quanto sai spingerti nelle mie dimore e ammirare l' essenza che vi abita?

Sono una donna che vive, lotta, e che fa dell'amore il suo vessillo.
Una donna che non teme il suo innocente potere.

Ma tu, uomo, riesci ad andare oltre?

Oltre le forme, oltre la bellezza visibile?

Oltre ciò che tu stesso vuoi vedere?

Le mie braccia accolgono i pianti e le tue debolezze, e con pazienza so mostrarti il tuo valore.

Sostengo le tue battaglie, prendendomi cura del tuo spirito e del tuo corpo.

Sono la donna che ti ha generato.
Che sa proteggere, consolare, rischiare e anche ferirsi a morte.
Colei con cui condivi il cammino.
Il tempio dove il tuo cuore può trovare riposo.

Guarda le fragilità che divengono la mia forza.
La fraganza dell' anima che si scioglie tra le lacrime.

Guarda il mio volto. Il mio corpo.

Quel volto che colpisci.
Quel corpo su cui ti accanisci, credendolo tuo.
Che annienti, ferisci e violenti per vuoto piacere.

Guarda i miei occhi, mascherati da finti colori per nascondere il dolore.
E un sorriso che copre a stento
la paura.

Non sono la donna che ritieni oggetto,
Il trofeo da mostrare con orgoglio.
La luce e il nettare di cui aspramente ti nutri.
La libertà che gelosamente fai tua.
La stanza in cui riporre le tue frustazioni.
La pienezza con cui provi a colmare vuoti.

Non sono tua proprietà,
Né le tue aspettative.

Fermati. E guardami.
Fallo per davvero.

Violare me è violare la Vita.

0
0
0
s2sdefault